@FromLaStataleToJobs

> Chi siamo

Il Gruppo Poste Italiane costituisce la più grande rete di distribuzione di servizi in Italia. Le sue attività comprendono il recapito di corrispondenza e pacchi, i servizi finanziari e assicurativi, i sistemi di pagamento e la telefonia mobile.
Con 158 anni di storia, una rete di oltre 12.800 Uffici Postali, circa 126 mila dipendenti, 536 miliardi di euro di attività finanziarie totali e 35 milioni di clienti, Poste Italiane è parte integrante del tessuto economico, sociale e produttivo del Paese e rappresenta una realtà unica in Italia per dimensioni, riconoscibilità, capillarità e fiducia da parte della clientela.
Poste Italiane nel febbraio 2018 ha lanciato un nuovo Piano Strategico con un orizzonte di cinque anni, “Deliver 2022”, che ha l’obiettivo di massimizzare il valore della rete distributiva e di cogliere le opportunità di mercato offerte dalla trasformazione digitale, attraverso la riorganizzazione del segmento corrispondenza e pacchi, lo sviluppo dei servizi finanziari, il consolidamento della leadership nei servizi assicurativi e la valorizzazione dei sistemi di pagamento.

Nell’ultimo triennio Poste Italiane ha intrapreso un importante percorso di sostenibilità orientato a promuovere gli elementi distintivi della propria strategia aziendale e a trasformare le sfide del mercato in opportunità di creazione di valore condiviso per lo sviluppo del Paese. L’Azienda ha definito i suoi obiettivi di sostenibilità in un piano ESG 7 (Environmental, Social, Governance) integrato nel piano strategico Deliver 2022, mettendo in atto specifiche azioni, come ad esempio l’adesione all’United Nations Global Compact (UNCG), con l’obiettivo di promuovere una cultura aziendale orientata alla sostenibilità lungo l’intera catena del valore. Queste azioni hanno portato l’Azienda a raggiungere in breve tempo numerosi traguardi e riconoscimenti. Primo tra tutti l’ingresso nel segmento “World” e “Europe” del Dow Jones Sustainability Index, il più prestigioso indice di sostenibilità in cui sono incluse solamente le società ritenute migliori al mondo nella gestione sostenibile del proprio business. A questo sono seguiti altri ingressi in indici altrettanto importanti: Bloomberg Gender-Equality Index (GEI), Euronext Vigeo-Eiris World 120, FTSE4GOOD e il RobecoSAM Sustainability Yearbook 2020 come “Industry Mover”.

Nel 2019 Poste Italiane ha rinnovato e rafforzato la strategia ESG introducendo due nuovi pilastri:
“Innovation” e “Diversity & Inclusion” sono stati affiancati ai sei che erano stati precedentemente adottati: “Integrità e Trasparenza”, “Valorizzazione delle persone”, “Sostegno al territorio e al Paese”, “Customer Experience”, “Decarbonizzazione immobili e logistica” e “Finanza sostenibile”.
L’innovazione e la digitalizzazione rappresentano per Poste Italiane il cuore pulsante per la promozione del cambiamento e lo strumento chiave per accompagnare i propri clienti nel processo di trasformazione digitale. Nell’ambito di tale percorso, l’Azienda è impegnata ad adottare un approccio fortemente inclusivo, teso a favorire l’accessibilità ai nuovi strumenti tecnologici da parte di tutti i propri clienti.

> L’azienda in breve

Nel 2019 le attività del Gruppo, volte a produrre e fornire beni e servizi, hanno generato impatti diretti, indiretti e indotti sull’economia italiana pari a circa 12,5 miliardi di euro di Prodotto interno lordo.
È possibile stimare, inoltre, che lungo la filiera produttiva siano stati coinvolti complessivamente 189mila lavoratori; l’utilizzo di questa forza lavoro comporta la distribuzione di redditi ai lavoratori, per un totale di 7,5 miliardi di euro.
Un indicatore significativo dell’impatto che l’Azienda ha sull’economia nazionale è il cosiddetto “moltiplicatore”, fattore che mostra “l’effetto leva” generato dalla spesa per acquisti da fornitori locali: in base alle stime, la spesa di 1 milione di euro da parte di Poste è in grado di generare nell’economia impatti pari a 5 milioni di euro di PIL, 1 milione di euro di gettito fiscale, 3 milioni di euro di reddito da lavoro e di occupare oltre 70 persone nel sistema produttivo.

Nel 2019 il Gruppo ha acquistato beni e servizi da oltre 2.300 PMI per un valore totale di 1,2 miliardi di euro (48% degli acquisti totali da fornitori italiani). Nello stesso anno, le PMI hanno avuto un impatto sul livello del Prodotto Interno Lordo per un valore pari a 1 miliardo di euro, portando all’occupazione di 17mila persone e a una distribuzione di reddito di circa 452 milioni di euro; sono stati, inoltre, creati oltre 300 milioni di euro in termini di gettito fiscale. Tali valori vengono considerati in qualità di effetto totale comprendendo, quindi, ogni impatto diretto, indiretto e indotto.

Quotata alla Borsa di Milano dal 2015, Poste Italiane ha un flottante di circa il 35% di cui una quota di circa il 10% divisa tra azionisti retail e il restante detenuto da alcuni tra i più importanti fondi istituzionali a livello globale. Il 65% delle azioni è, poi, ripartito tra Ministero dell’Economia, che ne detiene una quota del 29,26%, e da Cassa depositi e prestiti che possiede una quota del 35%.
Da aprile 2017 Maria Bianca Farina è Presidente e Matteo del Fante Amministratore Delegato e Direttore Generale. Da maggio 2020 Giuseppe Lasco è Condirettore Generale.

> Perché lavorare in Poste Italiane?

Lavorare per Poste Italiane significa entrare in una grande squadra, fatta  di 126.000 persone che con competenza, impegno e determinazione contribuiscono a raggiungere i traguardi aziendali partecipando allo sviluppo economico e sociale dell’Italia. Con la nostra presenza capillare sul territorio attraverso una rete di oltre 12.800 uffici postali, ci proponiamo come un motore di sviluppo inclusivo per l’economia italiana.

Sei pronto a contribuire al futuro del tuo Paese?
Lo sviluppo e la valorizzazione delle competenze delle persone rappresentano leve strategiche fondamentali a sostegno della crescita dei business del Gruppo e trovano il loro fondamento nella logica meritocratica, nel rispetto dei valori aziendali e nel modello di leadership declinato a tutti i livelli organizzativi.
Obiettivo dello sviluppo in Poste Italiane è quello di costruire un’azienda virtuosa nella quale ciascuno possa accedere ad un percorso di arricchimento professionale, di competenza ed esperienza.
L’Azienda offre strumenti e metodologie eque e trasparenti che tengono conto, nella loro applicazione, dell’eterogeneità dei diversi ambiti di business e di funzione.

> Opportunità per studenti/laureati

  • Contratto di apprendistato professionalizzante

> Facoltà di interesse

  • SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI 100% 100%

> Posizioni aperte

Grazie alla nostra diversificazione di business e al piano strategico aziendale, stiamo puntando sullo sviluppo della nostra rete commerciale.
Per questo motivo ricerchiamo brillanti laureati magistrali in discipline economiche da inserire come consulenti finanziari che garantiscano le attività di promozione e vendita dei servizi finanziari e assicurativi.

Il nostro candidato ideale ha ottime capacità di comunicazione e una naturale propensione alla relazione, ha voglia di mettersi in gioco ed entusiasmo nel misurarsi con obiettivi commerciali. Possiede inoltre un’ottima conoscenza degli strumenti di Office Automation con i quali organizza efficacemente le sue attività.

> Live chat

Vuoi essere orientato verso l’offerta di lavoro che più si addice al tuo profilo?
CHIEDI AI RECRUITER!

I recruiter di Poste Italiane sono disponibili il 23 novembre, dalle 15:00 alle 18:00.

Vuoi conoscere l’azienda da vicino e candidarti per un colloquio?

INFO & CONTATTI
Per gli studenti: lastatale.jobs@unimi.it
Per le aziende: support@starthubconsulting.com

 

Evento organizzato da